Barbara Garlaschelli – Ballate controvento

0
79

La raccolta si compone di novantatré ballate, scritte da Barbara Garlaschelli fra 2004 e 2016. Ballate che non osano definirsi “poesia”, pur essendo atto poetico che incide nelle emozioni e nell’animo più intensamente di tanti osannati “versi”. E “intensità” è la parola chiave di questi componimenti che parlano di amore, di morte, di separazioni e, soprattutto, del corpo, di quel corpo che cambia restando se stesso. Testi che richiedono ascolto, non solo mentale ma anche interiore, perché Ascoltare è tenere aperti i sensi. È accogliere.

Molteplici sono i temi trattati, dall’identità alla femminilità, dall’armonia all’abuso, dalla delicatezza alla violenza, dalla coscienza alla ribellione; e tutti rimangono scolpiti nella mente e nel cuore, perché Barbara Garlaschelli sa molto bene che cosa è il dolore, e di conseguenza sa altrettanto bene che cos’è la gioia; senza questi opposti non ci sarebbe equilibrio, nemmeno quello sapiente che l’autrice milanese sa dare alle proprie parole, pesate e pensate con accuratezza nitida e tagliente.

Un libro rilevante e indimenticabile.

SHARE
Articolo precedenteNicoletta Vallorani – Come una balena
Articolo successivoRobert J. Conley – Geronimo. Una leggenda americana
Heiko H. Caimi
Scrittore e sceneggiatore, insegna scrittura creativa dal 1999. Ha collaborato con la casa editrice Tranchida dal 2007 al 2009 come docente di Scuola Forrester e come membro del CdA e redattore del comitato editoriale, nonché come autore sulle riviste telematiche “Gluck59” e “Tenekè”. Ha collaborato come autore di novelle con gli editori Mondadori e GVE e pubblica racconti, articoli, recensioni e poesie con diverse riviste telematiche. Ha partecipato come poeta alla VII Edizione della Carovana dei Versi nel 2012-2013, e sue opere sono state pubblicate nel 2013 all’interno dell’antologia edita dalla Casa Editrice Abrigliasciolta di Varese. Ha tenuto corsi di scrittura e di sceneggiatura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano, presso l’I.I.S. A. Lunardi di Brescia, in svariate biblioteche e associazioni del comprensorio bresciano e in alcune scuole svizzere. Un film per cui ha scritto la sceneggiatura è stato opzionato due volte e ha collaborato come sceneggiatore a una produzione internazionale (“Haiti Voodoo”, 2011). In un lontano passato ha suonato in svariati gruppi musicali e ha collaborato a numerosi cortometraggi. Attualmente vive e lavora a Brescia. Dal 2002 è Presidente di Magnoliaitalia e dal 2013 è docente e direttore della Bottega della Scrittura di Brescia, scuola professionale per scrittori.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *