Andrea Vitali – Almeno il cappello

0
30

La banda di Bellano

Anni Venti. In un paesino sul Lago di Como s’intrecciano le umoristiche vicende di un prolifico ragioniere, di un falegname con il vizio dell’alcol e una moglie giovane ed energica, di una premurosa balia e di molti altri; a unire i destini di questa simpatica folla la partecipazione, a vario titolo, all’attività della banda musicale del paese.

Lo stile di scrittura di Andrea Vitali utilizza senza risparmio espressioni dialettali e colloquiali, discorso indiretto libero e tutta una serie di soluzioni a volte anche eccessivamente “liberate” dalle regole della grammatica italiana, tratteggiando così uno scenario corale, caratterizzato da grande umorismo e ottimismo, in cui i personaggi vengono descritti con bonarietà: siamo ben lontani dalla drammaticità che ci si aspetterebbe di trovare in un romanzo ambientato nel Ventennio.
Lo scrittore bellanese tratteggia con grande maestria ritratti psicologici convincenti e, soprattutto, a evocare il mondo dei complessi musicali dilettanteschi, dalle ingenue contese interne ai modesti sogni di gloria, senza cadute sentimentali e senza ammantare la vicenda di retorica.

Se amate la musica, quella ruspante, e i romanzi corali, non perdete questo romanzo, forse il migliore fra i numerosi dell’autore.

SHARE
Articolo precedenteLucio Anneo Seneca – Il tempo
Articolo successivoI trilioni di Paperone
Valentina Leoni
Valentina Leoni è musicista e storica dell'arte, ha scritto e scrive recensioni e articoli riguardanti libri e fumetti per diversi siti. Attenta conoscitrice della cultura giapponese, ha fatto parte del comitato scientifico della mostra Dai Samurai a Mazinga Z (Casa dei Carraresi, Treviso ottobre 2014) ed è da anni collaboratrice di Radio Animati per la quale ha curato di recente la trasmissione Yatta: Luoghi Non Comuni sull'Animazione Giapponese.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *