World War Z

0
1029

Una crisi sanitaria diventa in breve tempo il baratro dell’umanità, quando i morti risorgono per attaccare i vivi scatenando così un’orrida Terza Guerra Mondiale…

“World War Z” è un originale romanzo del 2006 di Max Brooks che racconta l’inchiesta di un giornalista che gira il mondo alla ricerca di testimonianze di sopravvissuti alla “Prima Guerra Globale ai non morti”.

Ricco di scene drammatiche e ironiche il romanzo descrive, con una prosa documentaristica quasi epistolare, momenti spettacolari di azioni politiche e militari unite a scene di sopravvivenza quotidiana legate alle terribili conseguenze della pandemia. Protagonista è quindi un’umanità che ha guardato dentro l’abisso e l’orrore l’ha trascinata dentro per divorarla senza pietà.

Un’idea talmente buona che Brad Pitt e la sua “Plan B” hanno sudato non poco a strappare i diritti a concorrenti agguerriti come DiCaprio con la sua “Appian Way”. Dopo aver contattato J.Michael Straczynski (“Changeling”) per la sceneggiatura e Marc Forster (“Quantum of Solace”) per la regia sembrava tutto pronto a partire nel 2009, poi nel 2011 ma il  2013 è stato l’anno buono.

Con un ottimo prologo che sembra far ben sperare e Brad Pitt che fa del suo meglio per essere credibile (ma è anche l’unico attore da botteghino in scena, gli altri riempiono solo lo schermo -compreso il nostro amato Favino) prosegue poi in maniera imbarazzante mettendo effetti speciali da videogioco a coprire una sceneggiatura forse riscritta troppe volte e un finale improponibile anche per un horror (messo dopo, sembra, aver buttato quasi un terzo del film completo).

Niente sangue, poca tensione, molte scene d’azione anche caotiche dove non si capisce chi è quello sano e quello infettato da cui scappano i nostri eroi e momenti da cartone animato fatti passare per drammatici.

Se l’eroe biondo che salva il Mondo lancia una bomba a mano dentro un aereo facendolo precipitate con lui dentro, l’aereo esplode e tutto attorno è morte e distruzione e poi fai vedere che se ne esce indenne senza neanche un graffio non è horror, è fantascienza.

Un horror fatto per piacere a tutti, che non spaventa, non crea turbamenti, non sanguini, con più azione che sostanza è una classica “frittella di marketing”. La mangi, pensi che sia buona, ma è solo una frittella. Per fortuna l’horror per famiglie da quasi 200 milioni a pellicola è un investimento troppo rischioso La computer grafica con cartoni animati che pretendono di sembrare attori credibili in scena, o la fai davvero bene o ti sembra di rivedere quella pellicola tratta da un libro classico, di cui anche qui era rimasto solo il titolo, con un cane che recitava meglio dell’attore protagonista. Magari è meglio leggerseli i libri per adattarli dopo con cura. Ma attenzione che quelli del marketing non leggono, loro sanno solo cucinare frittelle.

SHARE
Articolo precedenteDall’Inquisizione alla Tortuga – Intervista a Valerio Evangelisti (Parte I)
Articolo successivoIl vento fa il suo giro
Gino Udina
Gino Udina (Milano 1970) è uno scrittore italiano di Fumetti, Graphic Novels e Cinema. Nel 1993, a soli 23 anni, ha creato scritto e coordinato (per quattro anni) il fumetto di 94 pagine mensili in bianco e nero "DEMONHUNTER": la storia di un poliziotto che grazie a una pietra magica, fusa nella sua mano destra, poteva trasformarsi in un cacciatore di demoni (pubblicato dalla Xenia Edizioni). Dopo la chiusura della serie ha cominciato a collaborare con la Sergio Bonelli Editore scrivendo vari episodi di Martin Mystere e Nathan Never mentre coordinava un corso di scrittura creativa per il fumetto (lezioni base) alla scuola creativa "Magnolia Italia" dove ha organizzato anche incontri con autori e mostre di opere originali. Nel 2002 ha creato con Fabio Bono, artista per il mercato francese con titoli come "Confessions d'un Templier" (Soleil) e "Cathares" (Glénat),il fumetto per ragazzi "TAO" storia di un gruppo di avventurieri dello spazio che hanno trovato rifugio sulla Terra difendendo la loro nuova "madre patria" da tutti quelli che vorrebbero conquistarla e sottometterla. Parzialmente pubblicato dal "Messaggero dei Ragazzi" di Padova è ora in corso un adattamento a cartoni animati e una nuova edizione. Mentre collaborava come redattore e traduttore per altri editori ha partecipato nel 2010 all'impresa editoriale dell'editore francese "Editions Physalis" di mettere sul mercato una nuova collana hard boiled e con il disegnatore Salvatore Improda è stata creata "TIGRE BIANCA". Il primo episodio chiamato "L'Organizatsya" è uscito a Settembre 2012 e si tratta di un Polar (poliziesco-noir tipicamente francese) ambientato nel mondo della malavita russa. Ha anche scritto un film horror per il mercato americano dal titolo "HELLINGER", sponsorizzato dalla Troma Entertainment e disponibile sui negozi Amazon. Adesso sta scrivendo la conclusione di Tigre Bianca, un libro per ragazzi che uscirà nel 2014.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *