Star Trek into Darkness

0
1119

Dopo un feroce attentato, l’Enterprise deve affrontare un temibile nemico chiamato Khan che è determinato a eliminare il Capitano Kirk e il suo equipaggio…

Nel 2009 “Star Trek” di J.J.Abrams, famoso creatore di “Alias” e oggi “Fringe”, fu la scommessa della Paramount di rilanciare al cinema la famosa serie di Gene Roddenberry affidandola a un team di autori che con “Lost” aveva realizzato il “fenomeno televisivo™” di ABC. Investendo anche su un cast di nuovi e giovani attori, in parte conosciuti, che dovevano sì ricordare il passato ma proiettarsi nel (loro) futuro, per tornare alle origini di un fenomeno mediatico che per quarant’anni ha accompagnato generazioni di spettatori.

La scommessa fu vinta e subito si era messo in cantiere il progetto di un nuovo film che, dopo svariate riscritture, finalmente esce e conferma la direzione presa col precedente. La ricetta di “Into Darkness” è molto semplice: tanta azione e ironia spezzata da scene drammatiche, un senso di universo con sfoggio di fantasiose ambientazioni e non di soli vuoti corridoi di astronavi e plance di comando, termini “nerd/scientifici” ridotti al minimo e personaggi che ti appassionano interpretati da attori che ti guidano piacevolmente nella storia fino in fondo. I puristi storceranno il naso a qualche concessione come uno Spock diventato protagonista quasi assoluto quanto lo è Wolverine negli X-Men, mettendo così in ombra anche lo stesso Capitano Kirk, ma è il fascino dei Vulcaniani: le orecchie a punta sono troppo sexy!

 

Al secondo film la nuova serie diventa ancora più appassionante: mondi alieni primitivi, paesaggi della Londra del futuro, un inizio che ricorda Indiana Jones e un finale che quasi trasforma Spock in un eroe vendicativo. “Into Darkness” fa anche scoprire che l’Enterprise è come una vecchia automobile che può ripartire con un calcio ben assestato e che gli operatori telefonici del futuro permettono chiamate intergalattiche di ottima qualità ricevute in una discoteca aliena con musica a tutto volume. Con piacere si rivede Peter Weller (l’indimenticato Robocop) e il lanciatissimo attore della serie TV della BBC “Sherlock” Benedict Cumberbatch, chiamato qui a fare il super cattivo “Khan”. Rimane sempre il noioso vezzo di JJ Abrams di mettere ovunque famigerati effetti luce che fanno sembrare, in alcune scene, di essere finiti in una specie di “Saturday Night Space Disco Fever”.

La nuova trilogia di “Star Wars”, sotto la sua direzione, avrà forse spade laser che manderanno bagliori come le palle da discoteca. John Travolta sarà chiamato a coreografare le scene d’azione e i Bee Gees faranno la colonna sonora. Con la speranza che però si mettano a caratterizzare i momenti drammatici con fantasiosi e sgargianti balletti in stile BollyWood!!! Bàhut badhài! (“Tanti auguri”).

SHARE
Articolo precedenteChinua Achebe – Attento, «Soul Brother»!
Articolo successivoRiparo
Gino Udina
Gino Udina (Milano 1970) è uno scrittore italiano di Fumetti, Graphic Novels e Cinema. Nel 1993, a soli 23 anni, ha creato scritto e coordinato (per quattro anni) il fumetto di 94 pagine mensili in bianco e nero "DEMONHUNTER": la storia di un poliziotto che grazie a una pietra magica, fusa nella sua mano destra, poteva trasformarsi in un cacciatore di demoni (pubblicato dalla Xenia Edizioni). Dopo la chiusura della serie ha cominciato a collaborare con la Sergio Bonelli Editore scrivendo vari episodi di Martin Mystere e Nathan Never mentre coordinava un corso di scrittura creativa per il fumetto (lezioni base) alla scuola creativa "Magnolia Italia" dove ha organizzato anche incontri con autori e mostre di opere originali. Nel 2002 ha creato con Fabio Bono, artista per il mercato francese con titoli come "Confessions d'un Templier" (Soleil) e "Cathares" (Glénat),il fumetto per ragazzi "TAO" storia di un gruppo di avventurieri dello spazio che hanno trovato rifugio sulla Terra difendendo la loro nuova "madre patria" da tutti quelli che vorrebbero conquistarla e sottometterla. Parzialmente pubblicato dal "Messaggero dei Ragazzi" di Padova è ora in corso un adattamento a cartoni animati e una nuova edizione. Mentre collaborava come redattore e traduttore per altri editori ha partecipato nel 2010 all'impresa editoriale dell'editore francese "Editions Physalis" di mettere sul mercato una nuova collana hard boiled e con il disegnatore Salvatore Improda è stata creata "TIGRE BIANCA". Il primo episodio chiamato "L'Organizatsya" è uscito a Settembre 2012 e si tratta di un Polar (poliziesco-noir tipicamente francese) ambientato nel mondo della malavita russa. Ha anche scritto un film horror per il mercato americano dal titolo "HELLINGER", sponsorizzato dalla Troma Entertainment e disponibile sui negozi Amazon. Adesso sta scrivendo la conclusione di Tigre Bianca, un libro per ragazzi che uscirà nel 2014.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *