Frank Miller – Sin City: Una Donna Per Cui Uccidere

0
653

Dopo nove anni Basin City, la città del peccato, è ancora crocevia di storie e personaggi folli, depravati e assassini senza scrupoli…

Quando si compra un fumetto di solito il primo numero si acquista per i disegni poi, se la lettura è piacevole, il secondo per la storia e se si arriva al terzo è davvero amore.
Con i fumetti di Sin City, serie ambientata nel cuore oscuro dell’America più pulp in assoluto, è stato subito così grazie all’idea del maestro americano di comics Frank Miller di giocare non solo sui contenuti degni dei miglior autori hard-boiled quali Chandler, Hammet o Spillane ma di dare lustro a un rigoroso bianco e nero spruzzato qua e là di colore ma col bianco che drammatizzava e sottolineava il racconto visivo facendo così di Sin City, il fumetto, un prodotto quasi più europeo che americano dove supereroi e colore dominano il mercato.

Quel mondo pulp intriso di eroi negativi e femmes fatale da celluloide è approdato al cinema nel 2005. Il regista Robert Rodriguez, usando raffinate tecniche digitali e attori che sembravano usciti dalle pagine, realizza un gioiello di “cinecomic” Il primo film dove è la celluloide che onora la carta stampata e non viceversa.
Seguono “300” del 2006, da un altro fumetto di Miller, e “The Spirit” del 2008 scritto e diretto dallo stesso Miller che però fatica a trovare una lettura moderna del classico di Will Eisner, mentre Rodriguez a ogni intervista o Comic-Con annunciava che forse sono pronti a fare il secondo film, che il prossimo è l’anno buono fino ad arrivare al 2011 con tante chiacchere ma un nulla di fatto.
Alla fine Sin City 2 uscirà ad Agosto 2014.
Come un dolce rimasto troppo tempo in forno, sarà qualcosa per cui è difficile dare un giudizio positivo per quanto gli autori hanno cercato di offrire ancora quella formula che nel 2005 aveva tanto appassionato ma che oggi lascia come un gusto amaro: come di qualcosa che forse era meglio consumare finché era caldo e fragrante.
Il vero peccato è che il sogno del vero fumetto al cinema ha avuto un brutto risveglio.

{loadposition frullacinema2}

Come nei fumetti i seguiti al cinema sono piacevoli se sì la formula si ripete, ma si aggiunge qualcosa di nuovo. Se i temi sono sempre quelli, gli attori fanno le stesse cose, sesso e violenza tanto per restare svegli (ma con dietro la televisione che fa tutto questo -e anche meglio) ci si chiede perché non fare una miniserie tv come lo stesso Rodriguez propone oggi col suo “Dal Tramonto all’Alba”. Per un autore abituato a fare grandi film con pochi mezzi avere 60 milioni da spendere, forse finiti in tasca ai vari attori o marketing, fare un “mezzo seguito-mezzo prequel” abbastanza confuso, dove però ne incassi a malapena la metà mentre il primo era stato un successo mondiale è un brutto colpo.
Su Netflix o Cinemax magari con attori quasi sconosciuti si potevano fare nove puntate, adattare più storie magari usando solo quelle dei fumetti, e il pubblico si sarebbe alzato in piedi invece che russare in sala. Eva Green nell’episodio centrale che da il titolo al film è una perfetta e sensuale dark lady ma purtroppo il resto non è allo stesso livello di perfezione e anche Mickey Rourke che ripropone il suo Marv morto nel primo film annoia invece di appassionare.
Un terzo Sin City diventa sempre più improbabile.

SHARE
Articolo precedenteAttenti al buffone
Articolo successivoIron Maiden – Killers
Gino Udina
Gino Udina (Milano 1970) è uno scrittore italiano di Fumetti, Graphic Novels e Cinema. Nel 1993, a soli 23 anni, ha creato scritto e coordinato (per quattro anni) il fumetto di 94 pagine mensili in bianco e nero "DEMONHUNTER": la storia di un poliziotto che grazie a una pietra magica, fusa nella sua mano destra, poteva trasformarsi in un cacciatore di demoni (pubblicato dalla Xenia Edizioni). Dopo la chiusura della serie ha cominciato a collaborare con la Sergio Bonelli Editore scrivendo vari episodi di Martin Mystere e Nathan Never mentre coordinava un corso di scrittura creativa per il fumetto (lezioni base) alla scuola creativa "Magnolia Italia" dove ha organizzato anche incontri con autori e mostre di opere originali. Nel 2002 ha creato con Fabio Bono, artista per il mercato francese con titoli come "Confessions d'un Templier" (Soleil) e "Cathares" (Glénat),il fumetto per ragazzi "TAO" storia di un gruppo di avventurieri dello spazio che hanno trovato rifugio sulla Terra difendendo la loro nuova "madre patria" da tutti quelli che vorrebbero conquistarla e sottometterla. Parzialmente pubblicato dal "Messaggero dei Ragazzi" di Padova è ora in corso un adattamento a cartoni animati e una nuova edizione. Mentre collaborava come redattore e traduttore per altri editori ha partecipato nel 2010 all'impresa editoriale dell'editore francese "Editions Physalis" di mettere sul mercato una nuova collana hard boiled e con il disegnatore Salvatore Improda è stata creata "TIGRE BIANCA". Il primo episodio chiamato "L'Organizatsya" è uscito a Settembre 2012 e si tratta di un Polar (poliziesco-noir tipicamente francese) ambientato nel mondo della malavita russa. Ha anche scritto un film horror per il mercato americano dal titolo "HELLINGER", sponsorizzato dalla Troma Entertainment e disponibile sui negozi Amazon. Adesso sta scrivendo la conclusione di Tigre Bianca, un libro per ragazzi che uscirà nel 2014.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *