Stefano Di Marino – Le brigate del Tigre

0
632

L’Avventura, signori!

Parigi: tra il 1912 e il 1913, in un momento cruciale della Storia, il commissario delle Brigate Mobili Stéphane Renard deve risolvere una serie di omicidi e di misteri che, sempre più chiaramente, mostrano una matrice comune: un complotto internazionale ordito da un nemico invisibile insieme ai servizi segreti austro-ungarici.
Spalleggiato dal proprio comandante, il capitano Faivre, e aiutato dalle nuove tecniche di investigazione scientifica del professor Bertillon, Renard dovrà vedersela con l’inafferrabile Fantasma, epigono di Fantômas, e con i Fleurs de Lys, leggendaria confraternita criminale, mentre sulla Ville Lumière cala l’ombra di uno scandalo causato dalle speculazioni finanziarie di un gruppo di affaristi in combutta con un losco faccendiere.

Ritornano i protagonisti de La vendetta del Fantasma (Dbooks, 2012) in un romanzo autonomo tra i più appassionanti fra quelli scritti da Stefano Di Marino. La trama affonda le radici nelle vicende storiche di inizio secolo, e offre un’interpretazione fantastica (ma non troppo) degli eventi che portarono, il 28 giugno del 1914, all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este e allo scoppio della Prima Guerra Mondiale.
L’autore sa ricreare perfettamente l’atmosfera dell’epoca senza ricorrere a sfibranti descrizioni e, con l’immediatezza stilistica che gli è congeniale, combina Storia e avventura in un unicum che ricorda non solo la folgorante serie di romanzi scritta da Marcel Allain e Pierre Souvestre (che rivivono nel personaggio del giornalista e scrittore Alain Souvestre), ma anche I misteri di Parigi di Eugène Sue (1943), Il fantasma dell’Opera di Gaston Leroux (1910) e i memorabili sceneggiati della RAI Il segno del comando (1971) e Ritratto di donna velata (1975).

Stefano Di Marino scrive sempre nel segno dell’avventura, ma questa volta supera se stesso, calandosi nella narrativa popolare a cavallo tra Ottocento e Novecento nel riuscitissimo tentativo di attualizzare la forma narrativa del feuilleton. Il risultato è un romanzo memorabile che si legge in un lampo nonostante la mole, trascinati dagli avvenimenti: un’opera mai banale o prevedibile, nella quale la tensione è palpabile ed enigmi e segreti si accavallano a formare una trama gialla di grande efficacia. Numerose sono le citazioni, mai pedestri e sempre divertite. E, al di là del puro intrattenimento, Di Marino ci ricorda che, di fronte alle macchinazioni della Storia, anche i vincitori sono perdenti.

SHARE
Articolo precedenteJohn Figueroa e Kirk Albert – Nel Project
Articolo successivoDave Lordan – Vicino
Heiko H. Caimi
Scrittore e sceneggiatore, insegna scrittura creativa dal 1999. Ha collaborato con la casa editrice Tranchida dal 2007 al 2009 come docente di Scuola Forrester e come membro del CdA e redattore del comitato editoriale, nonché come autore sulle riviste telematiche “Gluck59” e “Tenekè”. Ha collaborato come autore di novelle con gli editori Mondadori e GVE e pubblica racconti, articoli, recensioni e poesie con diverse riviste telematiche. Ha partecipato come poeta alla VII Edizione della Carovana dei Versi nel 2012-2013, e sue opere sono state pubblicate nel 2013 all’interno dell’antologia edita dalla Casa Editrice Abrigliasciolta di Varese. Ha tenuto corsi di scrittura e di sceneggiatura presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano, presso l’I.I.S. A. Lunardi di Brescia, in svariate biblioteche e associazioni del comprensorio bresciano e in alcune scuole svizzere. Un film per cui ha scritto la sceneggiatura è stato opzionato due volte e ha collaborato come sceneggiatore a una produzione internazionale (“Haiti Voodoo”, 2011). In un lontano passato ha suonato in svariati gruppi musicali e ha collaborato a numerosi cortometraggi. Attualmente vive e lavora a Brescia. Dal 2002 è Presidente di Magnoliaitalia e dal 2013 è docente e direttore della Bottega della Scrittura di Brescia, scuola professionale per scrittori.