Soseki Natsume – Guanciale d’erba

0
47

Un pittore si reca in una località termale alla ricerca di ispirazione: durante il soggiorno fa conoscenza con altri personaggi, tra cui una donna dal comportamento bizzarro, un monaco zen, un giovane destinato a partire per la guerra e un barbiere. Con loro si intrattiene in lunghe conversazioni che diventano spunto per complesse riflessioni sull’eleganza, sul senso dell’arte e sul ruolo che essa deve avere nella società moderna. Ogni personaggio è inoltre latore più o meno consapevole di contraddizioni che, pur in contrasto con l’idea dell’arte come equilibrio, affascinano il protagonista, che riconosce in esse la complessità, tutta da indagare, dell’animo umano.

Il libro non ha una vera e propria trama, ma gioca tutto sull’atmosfera sospesa, quasi incantata, dei luoghi visitati dal protagonista, così fuori dal mondo e dal tempo da apparire ai nostri occhi come immagini dipinte, evocate sullo sfondo neutro della carta come le tipiche scene dell’arte orientale.
L’altro tema sul quale poggia il racconto è la ricerca dell’ispirazione, che si presenta alla mente e allo sguardo del pittore attraverso gli incontri lungo il cammino, senza mai soddisfarlo del tutto; almeno fino al momento in cui non prende in esame il ruolo dei sentimenti nella genesi artistica.

Non è una lettura di immediata presa ma, se affrontata con il giusto spirito, può avere grande fascino anche sul lettore occidentale, sicuramente meno abituato a questo genere di narrazione: è consigliato sicuramente agli appassionati di letteratura giapponese e a chi ama affrontare l’introspezione e la riflessione a carattere estetico.

SHARE
Articolo precedenteErnest Hemingway
Articolo successivoJosé Saramago
Valentina Leoni
Valentina Leoni è musicista e storica dell'arte, ha scritto e scrive recensioni e articoli riguardanti libri e fumetti per diversi siti. Attenta conoscitrice della cultura giapponese, ha fatto parte del comitato scientifico della mostra Dai Samurai a Mazinga Z (Casa dei Carraresi, Treviso ottobre 2014) ed è da anni collaboratrice di Radio Animati per la quale ha curato di recente la trasmissione Yatta: Luoghi Non Comuni sull'Animazione Giapponese.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *