Shusaku Endo – Silenzio

0
36

Silenzio, di Shusaku Endo, è una lettura difficile: un romanzo storico del genere più genuino, che non si limita alla semplice ambientazione ma ripercorre eventi del passato per trarne insegnamenti universali e, nello stesso tempo, affronta un tema delicato, addentrandosi in una profonda ricerca spirituale sul significato della fede, del tradimento e sul valore della testimonianza.

Padre Rodrigues, gesuita giovane e fervente, apprende con sgomento che il suo antico mentore, il granitico e impavido padre Ferreira, da molto tempo residente in Giappone dove svolge in clandestinità la sua attività di missionario, ha improvvisamente abiurato. Incapace di credere che Ferreira sia stato semplicemente piegato dalle torture subite, convinto che il superiore avrebbe senza dubbio preferito il martirio, Rodrigues decide di raggiungerlo per accertare la verità e affiancarlo nell’opera di evangelizzazione di quel Paese così lontano, misterioso e ostile.

Le vicende si stagliano nitide sul drammatico sfondo delle persecuzioni contro i cristiani del secolo XVII; Shusaku Endo affronta, da diverse angolazioni e in modo decisamente originale, il tema del rapporto tra religione cristiana e mentalità giapponese, senza ridurla al classico scontro tra Occidente e Oriente. L’autore coglie alcuni aspetti della questione che sono ancora validi nell’era contemporanea: nel silenzio del titolo – condizione necessaria al raccoglimento spirituale ma anche sinonimo del vuoto nel quale si perde la parola di un Dio che sembra impassibile di fronte alla sofferenza di coloro che lo amano – Endo denuncia la chiusura mentale tanto dei superbi missionari europei, intenzionati a evangelizzare un Paese del quale non si forzarono nemmeno di imparare la lingua, quanto delle autorità giapponesi, impegnate a proteggere una cultura tradizionale dietro la quale nascondere ipocrisia, intolleranza e incapacità di adattarsi al mondo che cambia.

La prosa di Endo, autore più volte vicino al Nobel, tratteggia efficacemente con poche, nitide pennellate, scene dalle quali emerge non solo una vivida descrizione paesaggistica, ma la reale anima del Paese, del quel l’autore descrive la stagione più deprimente e difficile: l’estate piovosa e afosa, durante la quale le risaie diventano paludi e il fango onnipresente sembra mischiarsi al sangue sparso dai martiri cristiani, emblema universale del misero, vittima dell’ingiustizia sociale.

Lettura consigliata a chi è interessato a scandagliare le profondità dell’animo umano, nonché agli appassionati di cultura giapponese, della quale potranno scoprire tratti meno noti. Da vedere anche l’ottimo film che Martin Scorsese ha tratto dal romanzo (Silence, 2016, con Liam Neeson, Tadanobu Asano, Andrew Garfield, Shin’ya Tsukamoto, Adam Driver e Ciarán Hinds).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *