Lola Shoneyin – Prudenti come serpenti

0
83

La giovane Bolanle ha avuto un’adolescenza tormentata e desidera fuggire da una famiglia oppressiva, così accetta la corte di un uomo ricco, affettuoso ma maldestro, ancorato alle tradizioni arcaiche e quindi orgogliosamente poligamo, che vorrebbe farne la sua quarta moglie: l’arrivo di Bolanle – giovane, bella, laureata e forse sterile – nella grande famiglia di Baba Segi crea un forte scompiglio e suscita immediatamente l’ostilità di due delle altre mogli, poiché in gioco c’è la custodia di un segreto dalla cui sicurezza dipende interamente l’armonia del gruppo.

Godibile racconto a metà tra la commedia nera e il dramma, Prudenti come serpenti si segnala non solo per lo stile accattivante col quale è scritto – un perfetto mix di humour inglese e toni da saga leggendaria – ma anche perché propone un ritratto della Nigeria contemporanea, facendo emergere l’immagine di un grande Paese dilaniato da forti contraddizioni, tra attaccamento ad anacronistiche tradizioni dal forte carattere identitario e desiderio di modernità e apertura al mondo; un Paese nel quale “l’Okonkowo di turno” è giustamente messo a tacere da un sagace ginecologo e dove le donne avanzano pretendendo e ottenendo, inesorabilmente, il loro posto in una società che fino ad ora le ha sempre inquadrate esclusivamente nell’ottica di mogli e madri, mentre la scienza moderna si scontra ancora col potere di stregoni, demoni e maledizioni.

Un’ottima lettura per chi abbia voglia di confrontarsi con una tradizione narrativa poco nota e desideri gettare uno sguardo, al di là dei pregiudizi o delle conoscenze sommarie, alla realtà di un Paese come la Nigeria, destinato a giocare un ruolo non indifferente nell’equilibrio socio-economico e politico dell’Africa (e forse del mondo) del XXI secolo.

SHARE
Articolo precedenteBlade Runner
Articolo successivoAntonio Gramsci
Valentina Leoni
Valentina Leoni è musicista e storica dell'arte, ha scritto e scrive recensioni e articoli riguardanti libri e fumetti per diversi siti. Attenta conoscitrice della cultura giapponese, ha fatto parte del comitato scientifico della mostra Dai Samurai a Mazinga Z (Casa dei Carraresi, Treviso ottobre 2014) ed è da anni collaboratrice di Radio Animati per la quale ha curato di recente la trasmissione Yatta: Luoghi Non Comuni sull'Animazione Giapponese.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *