Inoue Yasushi – Il fucile da caccia

0
53

Un uomo ricostruisce, attraverso alcune lettere, la vicenda di un grande amore che lega la sua vita a quella di tre donne.
Questo brevissimo romanzo affronta il tema della realtà celata dall’apparenza, che è un cardine della sensibilità artistica giapponese: le protagoniste della vicenda vivono in modo da nascondere agli altri la propria vera essenza e i propri sentimenti più nascosti, al punto da creare un’immagine che non corrisponde affatto al vero io, ma che è funzionale al tipo di esistenza che esse si trovano a condurre. Tale necessità porta, com’è inevitabile, a una solitudine esistenziale perfettamente incarnata dalla figura dell’uomo con il fucile, nobile figura dietro la quale si intuisce un dolore tanto grande quanto controllato, lontanissima dallo stereotipo del cacciatore fischiettante e allegro cui l’immaginario collettivo ci ha abituato.

La dicotomia tra apparenza e sostanza non diviene la molla che rivoluziona un’esistenza: le lettere delle tre donne sono tutte di commiato, poiché le protagoniste sanno che è arrivata l’ora di cessare la finzione e che la lacerazione che questa ha generato nelle loro vite è insanabile. Non rimane altro che la solitudine, l’allontanarsi le une dalle altre e dall’uomo che tutte e tre hanno amato, mentre l’intensità della loro sofferenza, ma anche del loro amore, è l’unico ricordo che sia l’uomo col fucile che noi lettori porteremo nel cuore. Non si ha però l’impressione che tale decisione generi il dramma:  Inoue Yasushi  fa proprio il tipico punto di vista nipponico, profondamente zen, secondo il quale la realtà cambia a seconda del punto di vista dal quale viene esaminata; quindi non è possibile spiegarla o comprenderla in modo razionale – deve solo essere accettata.
Il romanzo è estremamente breve ma non si presta a una lettura superficiale, poiché la sua profondità necessita di essere a lungo meditata: lo consiglio a lettori preparati.

SHARE
Articolo precedenteBertold Brecht
Articolo successivoDario Fo
Valentina Leoni
Valentina Leoni è musicista e storica dell'arte, ha scritto e scrive recensioni e articoli riguardanti libri e fumetti per diversi siti. Attenta conoscitrice della cultura giapponese, ha fatto parte del comitato scientifico della mostra Dai Samurai a Mazinga Z (Casa dei Carraresi, Treviso ottobre 2014) ed è da anni collaboratrice di Radio Animati per la quale ha curato di recente la trasmissione Yatta: Luoghi Non Comuni sull'Animazione Giapponese.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *