Alfredo Palomba – Quando le belve arriveranno

0
113

Quando le belve arriveranno è un romanzo feroce, ma privo di cinismo. Racconta la vicenda di un trentenne, di cui non conosciamo il nome, che accetta l’incarico di docente di sostegno in una città del nord per allontanarsi dalla madre alcolizzata e da un contesto di squallore e quotidianità stagnante. Il protagonista osserva con una sorta di ammirazione la propria nonna, ridotta a vivere in uno stato semivegetativo e la cui esistenza sembra essere ridotta a puro sguardo.
Nella città in cui va a vivere, l’uomo incontra personaggi spregevoli, rancorosi, frustrati e carichi di odio represso, sia verso se stessi, sia verso gli altri. Non c’è spazio per le giuste cause, per la speranza o qualsivoglia forma di redenzione. I colleghi, la coppia ripugnante che affitta una stanza al protagonista, i cittadini e i commercianti condividono tutti lo stesso destino di progressivo degrado, di decadimento senza scampo.

James G. Ballard diceva che il mondo contemporaneo sarebbe stato quello della psicopatologia normalizzata. Alfredo Palomba condivide con l’autore inglese la freddezza clinica dello sguardo, la quasi assenza delle emozioni, ma con una sostanziale differenza: l’occhio del personaggio non cerca nulla, non ambisce a nulla, neppure all’estasi della pura origine inorganica, della mera forma – uno slancio comunque estetico che qui non abbiamo. Qui il degrado non è un’astrazione intellettuale, ma la constatazione di una regressione, di un ritorno non tanto a un nulla pacificante, ma a una natura ferina, bestiale, originaria.
Le macchie nere che compaiono sui corpi dei personaggi, in questo senso, hanno una valenza simbolica altissima. Come la macchia di sangue sulla chiave di Barbablù. Abbiamo fatto di tutto per nasconderla, ma prima o poi risorge, più dirompente che mai.
In questo contesto, sembra si salvi solo il ragazzino affetto da un grave ritardo cognitivo seguito dal protagonista. La civiltà è corrotta, ha in sé già il seme della propria dissoluzione. Non a caso, l’autore apre il romanzo con una citazione da Il signore delle mosche.

Può dunque il puro sguardo, quello del protagonista, ma anche quello dello scrittore, in un evidente rimando metanarrativo, sfuggire alla dissoluzione, alla corruzione degli uomini? E se, nel farlo, eludesse ogni forma del sentire? È davvero possibile vivere diventando uno schermo su cui passano le immagini di youtube o dei social network?
Si può vivere o solo sopravvivere, forse, nella ricerca di un distacco e di un disincanto mai del tutto possibili.

SHARE
Articolo precedenteIntervista a Lamberto Garzia: l’accesso all’assunzione di acidi
Articolo successivoFiona Sampson – Il Golem di Frankenstein
Laura Scaramozzino (Torino, 1976), ha condotto per dodici anni il programma culturale Dimensione Autore presso la nota emittente piemontese Radio Italia Uno. Ha progettato e tenuto corsi di scrittura creativa di primo e secondo livello per associazioni culturali e presso enti pubblici a Torino, provincia e a Palermo. Ha studiato filosofia e ha collaborato con case editrici locali con cui ha promosso e realizzato laboratori di scrittura Ha pubblicato per i tipi della OAK Editions, il manuale di scrittura creativa: “Percorso creativo. Un viaggio chiamato scrittura” e il romanzo tratto da una storia vera: “L’uomo che salvava le anatre e inseguiva il Big Bang”, Sillabe di Sale Editore. La prefazione è del giornalista Vito Bruschini. Il quotidiano La Stampa di Torino ha dedicato un articolo al libro e alla vicenda che racconta. Ha partecipato alla raccolta di racconti di fantascienza al femminile curata da Emanuela Valentini dal titolo: “Materia oscura”, Delosdigital edizioni. Nell’antologia sono presenti alcune delle migliori autrici italiane del genere. Nel 2019 un suo racconto è stato selezionato per la raccolta di racconti fantastici: “Strane creature” a cura di Lorenzo Crescentini, edito da Watson. Nello stesso anno, l’autrice è stata selezionata per entrare nell’Antologia del premio di racconti weird: “Esecranda”. Nel mese di maggio del 2019 è uscito il suo primo romanzo distopico edito da Watson edizioni, intitolato “Screaming Dora”. A giugno è stata pubblicata la raccolta di racconti “Il grande racconto di Klimt”, Edizioni della Sera, in cui appare il testo: “Cesare va lontano”. A novembre è uscita: “Materanera”, antologia di racconti gialli ambientata a Matera, edita da Bertone. Un suo racconto appare, inoltre, nella raccolta “Piemontesi per sempre”, Edizioni della Sera. Suoi racconti appaiono sulla webzine “Cose di altri Mondi”, curata da Giovanni Mongini, e sul giornale on line “Il CorriereAl”, nella rubrica “AlLibri”, a cura di Angelo Marenzana. Di prossima uscita altre tre antologie con suoi racconti gialli e fantastici. Attualmente, nell’ambito di un progetto dedicato ai più giovani, sta lavorando a un romanzo distopico per ragazzi e, per conto di una casa editrice del settore, a una raccolta di racconti fantastici da lei curata. Ha collaborato con il sito Tom’s Hardware.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *