Catherine Dunne – Quel che ora sappiamo

0
165

Quel che ora sappiamo si apre con la tragedia più grande che possa capitare in una famiglia: il suicidio del figlio adolescente. Catherine Dunne riesce a ricreare con rara bravura e credibilità una vicenda fortemente drammatica che, raccontata dal punto di vista di vari personaggi, ci avvince offrendoci una prospettiva più ampia.
Daniel è un adolescente talentuoso, figlio unico ma con tre sorellastre frutto del precedente matrimonio del padre. Un giorno viene trovato impiccato nella sua stanza, e per i genitori, Patrick ed Ella, è un trauma insuperabile: si sentono colpevoli di ciò che è accaduto e vogliono capire ciò che gli è sfuggito fino a quel momento.

La scrittrice irlandese affronta il problema, tristemente attuale, del cyberbullismo, e, ponendo al centro la sofferenza taciuta di un adolescente, ritrae perfettamente la vita di una famiglia logorata dal lutto e da tante piccole crepe che si sono create negli anni. Anche quella, smisurata, tra Patrick e la figlia maggiore, Rebecca, nata dal suo precedente matrimonio con Cecilia. Il loro rapporto è logorato e teso: Rebecca non ha mai perdonato al padre per le sue continue infedeltà quando lei era bambina; oltretutto considera Ella, la seconda moglie di Patrick, un’arrivista interessata. E, nonostante la nascita di Daniel, rimane ferma nelle sue convinzioni intransigenti.
La tragica morte di Daniel, tuttavia, porta la famiglia a trovare una sorta di unità di fronte alla tragedia.

Quel che ora sappiamo è un romanzo che riesce a commuovere senza essere melenso o banale, e dando spessore a una storia di persone normali. Catherine Dunne, come sempre, riesce ad affacciarsi con delicatezza sulla vita dei suoi personaggi, ritraendoli con perizia e sensibilità e ponendoci al loro fianco, come se fossimo lì, con rara capacità di suggestione.
Lo stile è scorrevole e diretto: l’autrice racconta la vicenda con onestà e senza inutili fronzoli letterari, creando un’opera profonda ma non pretenziosa.

Un piccolo gioiello che parla di emozioni contrastanti, un libro intenso che non si ferma mai all’apparenza, ma approfondisce ogni sfumatura del carattere dei personaggi, delle situazioni e dei sentimenti. Un’opera che merita sicuramente una lettura non superficiale.

SHARE
Articolo precedenteFirdusi – I re dell’antichità (La scoperta del fuoco)
Articolo successivoTre volti
Heiko H. Caimi, classe 1968, è scrittore, sceneggiatore, poeta e docente di scrittura narrativa. Ha collaborato come autore con gli editori Mondadori, Tranchida, Abrigliasciolta e altri. Ha insegnato presso la libreria Egea dell’Università Bocconi di Milano e diverse altre scuole, biblioteche e associazioni in Italia e in Svizzera. Dal 2013 è direttore editoriale della rivista di letterature Inkroci. È tra i fondatori e gli organizzatori della rassegna letteraria itinerante Libri in Movimento. ha collaborato con il notiziario "InPrimis" tenendo la rubrica "Pagine in un minuto" e con il blog della scrittrice Barbara Garlaschelli "Sdiario". Ha pubblicato il romanzo "I predestinati" (Prospero, 2019) e ha curato le antologie di racconti "Oltre il confine. Storie di migrazione" (Prospero, 2019), "Anch'io. Storie di donne al limite" (Prospero, 2021) e "Ci sedemmo dalla parte del torto" (Prospero, 2022, insieme a Viviana E. Gabrini). Svariati suoi racconti sono presenti in antologie, riviste e nel web.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *