Mia Gallagher – 4 Poesie

0
629

Catullo

CXI

Su, Aufilema!
(su bella, dai)
Sembri tanto
Una fighina
Così carina
Sempre al fianco del tuo uomo, vero?
Tutta casa e famiglia;
mica una
mignotta
malandata.

Ehi,
un attimo, Aufilena –
senza offesa
ma…
Da quando in qua
Fighine
Così carine
giocano
a pucciare il biscotto
con il loro papà

e fanno
da mamma
(su bella dai)
ai fratellini in passeggino?

Dagliela, bella, dagliela su,
Ancora al tuo padrone.
Carina col cazzo;
meglio fare la troietta.

 

CXII

Allora, Nasone
Che c’è?
Te la fai da solo?
Matto.
T’avevo
fatto
uno di  noi.

Uno di quelli disponibili
un bel tipo;
da fidarsi insomma
quelli tutti…
culo e camicia.

Ma…
Ai tuoi
amici
non piace quando
Vai
In quei
posti
Pantaloni
Abbassati alle
caviglie?
(è un attimo)
Su per il…
Nando!

Patetico ciucciaballe
Imbellettata checca
Vai…
dai,
gran culattone.

CXII

La vedi, Cinna?
Maecilia.

Faccia brutta come la fame
ma

Una volta…
Ragazzi, quant’era
Ben fornita.
Gli piaceva in tutt’e due i modi,
fronte  e
retro.
Voglia matta di scopare
Tatuaggi Ibiza dove le pare,
un consesso
di gran spasso
Allora.

Adesso è tornato Pompeo
e la troia è passata di moda,
basta andare a caccia
smessa la passione
incassa l’assegno dei servizi sociali
tira su un bel trio di
rachitici.

Da fare da fare da fare.
Pannolini puzzolenti
Marmocchi piagnucolanti
gnocca
traditrice.

 

CXIV

Guardalo lì come romba su per la carraia,
Il signor Sborone!
Celoduro
(fortunello d’un cazzone)
Col suo
suv
sfavillante
nuovo di zecca
nella sua tenuta di
Fermo,
il coglione.

Ricco, ‘sti due.
È tutto della banca
e il povero pirla
non è manco buono a letto.

Fattene una ragione.
Credito non ce n’è più.
Romba, cazzo, romba,
e cosa spari se non a vuoto.

© dell’Autore

Pubblicato in The Irish Catullus a cura di Ronan Sheehan – A&A Farmar, 2010: Dublino

Traduzione di Mario Giosa

 

SHARE
Articolo precedenteSean Hardie – Un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto
Articolo successivoThe Italo Irish Literature Exchange 2014
Mia Gallagher

Racconti di Mia Gallagher sono stati pubblicati in Irlanda, Regno Unito e Stati Uniti e sue antologie sono uscite per (i magazine, n.d.t.) Fish e The Stinging Fly. La sua raccolta di racconti You First ha vinto il premio START Short Fiction (2005). E’ stata finalista per i premi Hennessy (1991), Fish (2004) e Trevor/Bowen (2011). Il suo romanzo d’esordio HellFire (Penguin Ireland, 2006) è stato ampiamente acclamato e ha vinto l’Irish Tatler Literature Award (2007). Estratti dal suo secondo romanzo sono stati pubblicati in Literary Imagination (Oxford University Press, 2012), Spolia ( New York , 2013) e Colony (Dublino, 2014). Il suo racconto Quasimodo, illustrato con disegni di Kirsten Stolle, è stato pubblicato in edizione limitata chapbook da Spolia (New York, 2013). Mia ha ricevuto diverse borse di studio per la letteratura da Arts Council of Ireland ed è stata scrittore residente con IADT/dlr Arts Office (2009-2010). Le sue traduzioni dei versi di Catullo sono apparse originariamente in The Irish Catullo (a cura di Ronan Sheehan, Farmar, Dublino: 2010).

foto di Robbie Fry

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *