Jane Hirshfield – I miei occhi

0
92

Un’ora non è una casa,
una vita non è una casa,
non le attraversi come
fossero porte verso un altro.

Ma un’ora può avere forma e proporzione,
quattro pareti, un soffitto.
Un’ora può essere rovesciata come un bicchiere.

Alcuni vogliono quiete, altri vogliono il pane.
Alcuni vogliono dormire.

I miei occhi andarono
alla finestra, come fa un gatto o un cane lasciato solo.


Traduzione dall’inglese di Loredana Foresta e Andrea Sirotti da Ogni felicità assediata dai leoni (Elliot, 2020)

SHARE
Articolo precedenteJane Hirshfield
Articolo successivoGiuseppe Di Matteo – Meridionale
Jane Hirshfield, nata a New York nel 1953, consegue la laurea alla Princeton University e completa gli studi al San Francisco Zen Center. Coltiva la passione per la scrittura fin da giovane e, nella lunga carriera artistica, le sue raccolte poetiche (la più recente, “Ledger”, è del marzo 2020) ottengono numerosi riconoscimenti, tra cui il Poetry Center Book Award, il California Book Award e il Donald Hall-Jane Kenyon Prize in American Poetry. Nel 2004 la Academy of American Poets le attribuisce l’Academy Fellowship; nel 2006 il suo libro “After” è finalista al T.S. Eliot Prize e guadagna il titolo di “Best Book” da The Washington Post, The San Francisco Chronicle e dal Financial Times. La silloge “The Beauty”, del 2015, viene selezionata per il National Book Award. Insegna, tra le altre, alla Stanford University e alla U.C. Berkeley. Risiede attualmente in California, dove prosegue l’attività di poetessa, traduttrice e autrice di saggi, pubblicati già nelle raccolte “Nine Gates: Entering the Mind of Poetry” (1997) e “Ten Windows: How Great Poems Transform the World” (2015). Ha editato e co-tradotto quattro libri di poeti dal mondo del passato: “The Ink Dark Moon: Poems by Ono no Komachi and Izumi Shikibu, Women of the Ancient Court of Japan” (1990); “Women in Praise of the Sacred: Forty-Three Centuries of Spiritual Poetry by Women” (1994); “Mirabai: Ecstatic Poems” (2004); e “The Heart of Haiku” (2011). Nel 2019 viene eletta membro dell’American Academy of Arts & Sciences. Le sue opere sono tradotte anche in Polonia, Francia, Cina e Giappone. Una sua antologia con poesie scelte tradotte in italiano è stata pubblicata da Elliot nel 2020, a cura di Loredana Foresta e Andrea Sirotti, con il titolo ”Ogni felicità assediata dai leoni”, lo stesso titolo del suo libro di poesie scelte, pubblicato nel 2005 da Bloodaxe Books nel Regno Unito; nell’edizione italiana, però, sono presenti poesie da altri tre libri più recenti: “After” (2006), “Come, Thief” (2011) e “The Beauty” (2015).

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *