Cataldo Russo – Quando la povertà è una colpa

0
33

Hanno sciolto le loro lunghe trecce
e guardano oltre l’orizzonte
dove solo la vista del cuore può arrivare.
Nel mare non vi sono sirene,
né navigatori solitari.
Caronte ha la barca piena di uomini
che non hanno pene da scontare.
Caronte non usa il remo né la frusta.
Caronte usa il mitra.
Caronte getta in mare i deboli,
i malati, i bambini…
Ma i pesci non hanno fame
di anime di bambini.
Di là, sull’altra sponda,
tutto sembra dorato e l’abbondanza
si fa esca.
La colpa di questi uomini
è quella di essere nati poveri.
Poveri in un mondo dove
la povertà è una colpa,
una pena da espiare
troppo spesso con la vita.

SHARE
Articolo precedenteHenri Matisse
Articolo successivoBarbara Baraldi
Cataldo Russo
Cataldo Russo, dirigente scolastico in pensione, è nato a Crucoli (KR). Nel 1972 si è trasferito a Milano, dove si è laureato in lingue e letterature straniere. Dal 1973 al 1975 ha soggiornato in Inghilterra. Scrittore, poeta e drammaturgo, è anche studioso di culture orientali. La prima pubblicazione, la silloge "Il coperchio, i cocci e la luna", è del 1985. Nel 1990 ha pubblicato "Amori, disamori e blablaismi", otto racconti tra il serio e il faceto. Nel 1992 è la volta de "Gli altri sequestrati", dramma teatrale ispirato al sequestro Casella. Nel 1997 è uscito presso l’editore Tranchida il romanzo "I recinti di don Pietraviva". Per lo stesso editore ha curato l’edizione italiana de "Il sogno della camera rossa" di Cao Xuequin (1997), "Buddha insegna" (1997), tratto dal "Dhammapada", e "I Dialoghi di Krishna sull’Anima" (1998), tratto dal "Bhagavadgita". Nel 2002 ha pubblicato, sempre con l’editore Tranchida, il romanzo "Il cielo sopra di me". Presso l’editore Guida nel 2010 è uscito il romanzo satirico-grottesco "Cortigiani, giullari e mammasantissima", e nel 2013 il romanzo "All’Inferno con ritorno", che sarà tradotto in spagnolo da Laura Mallorquin e pubblicato nel 2014 in Argentina con il titolo "El doble infierno de Curzio". Nel 2015 è uscito per Paginauno "Il rumore del Silenzio", raccolta di testi teatrali (tre drammi, quattro commedie e un dialogo). Nel 2018 l’editore Ferrari ha pubblicato il romanzo "La cattedra sfuggente". Racconti e testi poetici vengono pubblicati regolarmente su antologie e riviste. Altri lavori teatrali rappresentati sono: "Il sogno di volare", "La guerra ritrovata", "Solitudine e badanti", "l'Unità incompiuta", "Simu briganti", "Il foglio di carta bollata sulla testa", "Monia", "Rappresaglia e rancore", "Scollegamenti", "Vivere di sana e robusta Costituzione", "Professione stagista", "Cristo fra i briganti", "Cicco Simonetta: un calabrese a Milano".

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *