Tom Phillips – La poesia è il nuovo rock’n’roll

0
190

Nessuno di noi lo vuole davvero, no?
La poesia è il nuovo rock’n’roll –
la fama, la fortuna, i cumuli di neve della cocaina?
I megastore ripieni di volumi sottili,
gli stadi pieni di fan isterici.
Seamus Heaney si pavoneggia attraverso i suoi Greatest Hits
e Wembley va fuori di testa per il suo fracasso retrò anni ’60 –
La Morte di un Naturalista.

Agli Slam Awards, le cose sfuggono di mano
quando U.A. Fanthorpe fa un Jarvis Cocker,
saltando sul palco per sconfiggere Andrew Motion.
La poesia prega di mettere MTV fuori onda
e Chris Evans conquista il South Bank Show:
grazie a Dio non è Melvyn Bragg.

Inseguito da giornalisti calvi del New Literary Express
e dalle groupie della Ivy League che li supplicano
di tenere workshop di scrittura spontanea ovunque vadano,
un bus pieno di poeti britannici in tour spacca negli Stati Uniti.
L’apparizione di Attila, l’agente di cambio
su Friends è un’altra cosa
e Benjamin Zephaniah indossa la sua tuta Seguin da Elvis
per un periodo di sei mesi a Las Vegas.
Le voci che T. S. Eliot sia morto soffocato nel suo stesso vomito abbondano.

I tatuaggi di Auden e di Sylvia Plath sono platealmente indossati
e questo è ciò che io chiamo Poesia Metafisica 57
supera in vendite l’album di ritorno degli Oasis.
Per salvare le loro carriere fallimentari,
le Spice Girls ricorrono all’assunzione di Pam Ayres.
Now that’s what I want
what I really really want…[1]
Tutti cercano l’inafferrabile Bristol Sound
e Faber & Faber invia i team A&R
ai club di cabaret e al piano superiore delle sale dei pub
per far firmare scrittori sconosciuti con somme a sei cifre.

Per Simon Armitage, però, è tutto troppo.
Dopo aver vinto la Battaglia dei Bardi
e aver battuto Wendy Cope al Number One,
fugge in Islanda e pubblica un volume
di versi Lo-fi che segnano una partenza
dal suo popolare lavoro mainstream.
Diventa il Syd Barrett di Huddersfield –
una lezione di esaurimento da acido per tutti noi.
La sua ultima poesia conosciuta è stampata sul Sun[2].

Afferma che è meglio morire di fame come un vero artista
che passare la vita come un grasso, ricco stronzo
con case a Hollywood, Chelsea e Cannes.
Tutti concordano sul fatto che deve essere impazzito.
Da qualche parte in un impianto abbandonato d’incisione di CD,
un gruppo di popstar squattrinate sogna la vendetta.

(da “Burning Omaha”, Firewater Press, 2003, Bristol)

Traduzione di Heiko H. Caimi

[1] Questo è ciò che voglio / ciò che voglio davvero… – strofa della canzone “Wannabe”, grande successo internazionale delle Spice Girls.
[2] Il Sun è un tabloid quotidiano pubblicato nel Regno Unito e nella Repubblica d’Irlanda e di proprietà di News International, una sussidiaria della News Corp di Rupert Murdoch. È il secondo quotidiano in lingua inglese più venduto al mondo, ma è criticato per la grossolanità e la poca professionalità dello stile sensazionalistico che adotta, e che mira a un pubblico di basso livello culturale. È famigerato anche per la sua terza pagina, che ospita regolarmente avvenenti ragazze in topless.

SHARE
Articolo precedenteLeonardo Sciascia
Articolo successivoBarbara Garlaschelli – Caduta dentro un no
Tom Phillips
Tom Phillips è nato nel Buckinghamshire nel 1964. È scrittore freelance e docente ospite presso varie università britanniche e balcaniche. Vive a Bristol, Regno Unito, dal 1986, ma dal 2000 ha spesso viaggiato nella penisola balcanica e molti dei suoi interessi letterari e di ricerca sono focalizzati sulla regione. È stato pubblicato in molte riviste, antologie e opuscoli e ha pubblicato tre libri di poesia nel Regno Unito: “Recreation Ground” (“Terra di ricreazione”, Two Rivers Press, 2012), “Reversing into the Cold War” (“Inversione nella Guerra Fredda”, Firewater/Poetry Monthly, 2007) e “Burning Omaha” (“Bruciando Omaha”, Firewater, 2003) e un libro bilingue di poesia in Bulgaria: “Unknown Translations / Непознати преводи” (“Traduzioni sconosciute”, Scalino, 2016). È autore di numerosi spettacoli teatrali, di cui “Coastal Defences” (“Le Difese Costiere”, Tobacco Factory Theatres - Teatri della Fabbrica del Tabacco, Bristol, 2014) e “100 Miles North of Timbuktu” (“100 Miglia a Nord di Timbuctù”, Alma Tavern Theatre - Teatro della Taverna Alma, Bristol, 2013) hanno riscosso il più grande successo teatrale.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *