Ida Travi – (la luce)

0
280

La luce ti darà la solitudine
sotto sotto c’è la solitudine

Scende dall’alto del campanile
la luce

Sola è la brocca, sola la fontana
sola la pietra, solo il ramoscello

Forte ti farà la solitudine, nei sandali
hai la solitudine

Dormono in solitudine le bestie
dormono i bambini
poi viene qualcuno e mostra la lettera

Allora alzatevi – dite qualcosa
dite qualcosa alla rosa rossa.

da Tà – poesia dello spiraglio e della neve, Moretti&Vitali 2011

Intervista esclusiva a Ida Travi di Alessia Bronico: “La poesia ti porta via, ti porta sempre da un’altra parte, non puoi sapere dove”

SHARE
Articolo precedenteL’assistente sociale tutta pepe (1981)
Articolo successivoAnton Čechov
Ida Travi
La sua poesia si inscrive nel rapporto tra oralità e scrittura, tematica che nel 2000 affronta con il saggio “L’aspetto orale della poesia” (terza edizione Moretti&Vitali, 2007), e nel 2015 in “Poetica del basso continuo”. In poesia per Moretti&Vitali pubblica “La corsa dei fuochi”, 2006; “Neo/Alcesti poesie per la musica”, 2009, e la sequenza poetica sui Tolki, i parlanti, in cinque libri: “TA’ poesia dello spiraglio e della neve” (2011); “Il mio nome è Inna” (2012); “Katrin. Saluti dalla casa di nessuno” (2015); “Dora Pal, la terra” (2017); e “Tasàr, animale sotto la neve”, 2018. Per il teatro l’atto tragico “Diotima e la suonatrice di flauto” edito da Baldini Castoldi Dalai nel 2004, che diventa nel 2010 opera musicale, Tesi di Laurea in Composizione del M° Andrea Battistoni. Sui suoi radiodrammi e sue poesie alcuni compositori contemporanei hanno composto musiche originali.

Lascia un commento

Scrivi un commento
Per favore inserisci qui il tuo nome

inserisci CAPTCHA *